1

  • Sono 7.520 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. il totale diventa 94.661 (76,5% delle dosi disponibili)

    Sono 7.520 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. il totale diventa 94.661 (76,5% delle...

  • La vignetta di Sapo: crisi di governo ... e crisi di nervi

    La vignetta di Sapo: crisi di governo ... e crisi di nervi

  • Cinque settimane di minilockdown in Svizzera

    Cinque settimane di minilockdown in Svizzera

  • Crisi di Governo, il sondaggio di News24: il 46,8% avanti con Conte, il 38,7% vuole le elezioni

    Crisi di Governo, il sondaggio di News24: il 46,8% avanti con Conte, il 38,7% vuole le elezioni

  • Sono 8.352 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. Il totale diventa 86.003 (69,5% delle dosi disponibili)

    Sono 8.352 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. Il totale diventa 86.003 (69,5% delle...

  • Nasce a Fomarco il primo Prünent

    Nasce a Fomarco il primo Prünent "al femminile" della Val d'Ossola

  • Anas pulisce dalla neve la la statale 659 “delle Valli Antigorio e Formazza”. Provvisoriamente chiusa al traffico a Canza

    Anas pulisce dalla neve la la statale 659 “delle Valli Antigorio e Formazza”. Provvisoriamente...

  • Recovery plan, il Piemonte attende le regole definitive

    Recovery plan, il Piemonte attende le regole definitive

  •  Mozione Lega su Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi. Molinari: “Auspico unità di tutti i parlamentari piemontesi”

    Mozione Lega su Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi. Molinari: “Auspico unità di tutti i...

  • Test rapidi, dal 15 gennaio saranno conteggiati nel bollettino nazionale

    Test rapidi, dal 15 gennaio saranno conteggiati nel bollettino nazionale

  • Sono 8.439 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte. In totale 75.893 (61,3% delle dosi)

    Sono 8.439 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte. In totale 75.893 (61,3% delle...

  • Piemonte: 1.064 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 172

    Piemonte: 1.064 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia...

App Store Play Store

anziano infermiera covid casa riposo

PIEMONTE- 12-01-2021--Per aiutare le Rsa in difficoltà la Regione ha “previsto una cifra di 30 milioni di ristoro per i maggiori costi per il Covid, che otteniamo dal risparmio (involontario) di fondi non erogati alle strutture per l’integrazione delle rette, a causa della diminuzione del numero di ospiti. Sono cifre già a bilancio: 19,5 milioni per il 2020 e 10,5 milioni per l’anno 2021, quindi non andremo a gravare sul bilancio regionale”.

Lo ha affermato l’assessore alla Sanità Luigi Icardi in quarta Commissione, presieduta da Alessandro Stecco. Durante la seduta ordinaria l’assessore ha illustrato la situazione economica e finanziaria in relazione ai due disegni di legge di sostegno alle strutture residenziali e di sviluppo delle forme associative di medicina generale. “Nel 2020 – ha proseguito - a causa dell’emergenza Covid abbiamo visto un’importante riduzione degli accessi alle strutture, in alcuni casi il 35-40% di letti vuoti. Abbiamo raccolto l’appello di un settore in crisi anche per l’aggravio di costi, con il rischio fallimento per molte residenze”.

Il gruppo Pd, per voce dei consiglieri Raffaele Gallo, Monica Canalis, Daniele Valle e Domenico Rossi ha chiesto chiarimenti sulla modalità di erogazione dei fondi “visto che stiamo attingendo a dei Lea, quindi somme previste per le famiglie, che invece giriamo alle strutture. Rischiamo dei rilievi da parte della Corte dei Conti”. In particolare Canalis ha richiesto dati certi sugli effettivi risparmi dai convenzionamenti, “una cifra che sarà definita a fine gennaio alla chiusura dell’ultimo trimestre 2020”, ha spiegato Icardi. Per il capogruppo Luv, Marco Grimaldi, “andrebbe fatta un’analisi sui bilanci delle grandi multinazionali che non hanno certo bisogno dei nostri ristori.Dovremmo inserire nella legge dei criteri di equità”.

Nella seconda parte della seduta, con l’assessore al Bilancio Andrea Tronzano è stato fatto un approfondimento sui capitoli di bilancio coinvolti dai due disegni di legge. Critiche le opposizioni sullo spostamento di 10 milioni di euro dal trasporto pubblico locale. Fondi che si conta di reintrodurre entro l’anno grazie a rinegoziazione dei mutui e possibili nuovi fondi statali, senza depotenziare il servizio, né soprattutto impattare sul rientro a scuola perché è stato finanziato dai prefetti, secondo l’assessore.

Ad inizio mattinata si è svolta l’audizione delle organizzazioni sindacali, che hanno chiesto di sospendere il percorso di approvazione del disegno di legge sullo sviluppo delle forme associative di medicina generale (Ddl 127). I sindacati, intervenuti con i rappresentanti territoriali di welfare e sanità (Danila Botta Cgil, Luca Caretti Cisl e Francesco Lo Grasso Uil), hanno motivato rilevando che il tema del provvedimento - l’implementazione della medicina di gruppo e della rete dei medici di medicina generale - dovrebbe collocarsi all’interno di una profonda revisione della rete territoriale dei servizi, che anche la pandemia ha dimostrato essere deficitaria.

Questo è quanto emerso anche attraverso le domande poste agli auditi dai consiglieri Monica Canalis, Domenico Rossi e Daniele Valle (Pd), Sarah Di Sabato (M5s) e Marco Grimaldi (Luv).

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.