1

  • Sospeso il pagamento del Bollo Auto sino al 31 luglio

    Sospeso il pagamento del Bollo Auto sino al 31 luglio

  • Covid-19 in Piemonte: 751 nuovi casi, 555 guariti. Tutti i dati

    Covid-19 in Piemonte: 751 nuovi casi, 555 guariti. Tutti i dati

  • Ristoranti e alberghi: nel biennio 2020/21 il covid brucia 38,5 miliardi di euro. Nel 2021 stima fatturato al -35%

    Ristoranti e alberghi: nel biennio 2020/21 il covid brucia 38,5 miliardi di euro. Nel 2021 stima...

  • 57° Rally Valli Ossolane 2021: a Daniele Nicolini il numero 1:

    57° Rally Valli Ossolane 2021: a Daniele Nicolini il numero 1: "E' il mio 36° Valli consecutivo"....

  • I problemi agli occhi degli animali nella videopuntata odierna di

    I problemi agli occhi degli animali nella videopuntata odierna di "Qua la zampa"

  • In gita all'Alpe Termine con Gianpaolo Fabbri. Foto

    In gita all'Alpe Termine con Gianpaolo Fabbri. Foto

  • “Aprile non ti scoprire”, un salto termico di 13 gradi da un giorno all'altro con la nevicata tardiva. L'analisi di meteolivevco

    “Aprile non ti scoprire”, un salto termico di 13 gradi da un giorno all'altro con la nevicata...

  • Tra i ciottoli della Fede, nuovo itinerario escursionistico a Borgomezzavalle. Video

    Tra i ciottoli della Fede, nuovo itinerario escursionistico a Borgomezzavalle. Video

  •  Lo specchio di Viganella protagonista di una fiaba per bambini di Sonia Carli. Videointervista

    Lo specchio di Viganella protagonista di una fiaba per bambini di Sonia Carli. Videointervista

  • "O come Ossolani", mostra fotografica di Francesca Rossi diventa un libro con 23 storie....

  • Soddisfazione in Regione per la campagna vaccinale, Cirio:

    Soddisfazione in Regione per la campagna vaccinale, Cirio: "Puntiamo ai 40 mila al giorno per...

  • Sono 30.443 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

    Sono 30.443 le persone che hanno ricevuto oggi il vaccino contro il Covid

App Store Play Store Huawei Store

giovera fabbri bosco sentiero gita escursione

 

MONTECRESTESE- 28-02-2021--Di qui siamo già passati varie volte, sia in estate che in inverno, ma lungo percorsi e in condizioni diverse. L'altopiano di Coipo è uno splendido balcone panoramico sulla piana dell'Ossola e consente escursioni varie e alla portata di tutti.

4 FEBBRAIO 2021 Dislivello: 900 m. Tempo totale: 5 h. 

Dopo il secondo lungo periodo di sospensione delle nostre gite settimanali, il colore giallo ci consente di rivederci e di percorrere, in tutta prudenza e ben distanziati, i sentieri che sovrastano Altoggio. La frazione alta di Montecrestese viene raggiunta da otto Trotapian con quattro auto.

Per ripassare al meglio la strada di ritorno, il mio equipaggio torna a Domo a recuperare un paio di scarponi, dimenticati per l'emozione del rientro nei ranghi. La giornata è bella, il freddo è altra cosa. Attraversiamo Altoggio, passando dal grande lavatoio, e, a sinistra della chiesa di San Giovanni Battista, 750, imbocchiamo il sentiero che inizia a salire. Guido il gruppo con il mio passo da “vaca vègia”, che riflette oggi due mesi di inattività, conditi da un contatto molto biblico con il virus maledetto.

E poi un caro amico medico mi ha detto di sudare il meno possibile, fino a nuovo ordine. Dopo un breve tratto di sentiero camminiamo brevemente sulla strada asfaltata, ancora comune alle direzioni di  Agarina e Coipo, fino al primo tornante. Qui si torna sul sentiero, ben segnato e quasi senza neve grazie all’esposizione a sud. Passiamo dalla Cappella di Pusalà, 877, e da quelle dei Genovesi, 976, e del Gaggio, 1060. Torniamo sulla strada poco sotto l’Oratorio di San Luca, 1156. Camminiamo da quasi un’ora e mezza lungo questo percorso, direi, devozionale. Qui c’è neve, ma ben battuta da motoslitte e mini-gatti, direi micini, delle nevi.

Per questo, come ci aveva consigliato un vecchio saggio ex alpinista, le ciaspole sono rimaste sulle auto. Lasciamo l’Oratorio alla nostra destra e restiamo sulla strada lungo gli ultimi tornanti che danno sulla piana ossolana e sul bellissimo panorama che offre, con il Rosa e il Leone a dominare tutto. Dopo una valletta con due splendide casette di sasso, proseguiamo in morbida salita sull’altopiano di Coipo, passando da Cascine Bertolini, 1318, e poi da Coipo, 1385.

La strada entra nel bosco di faggi e arriviamo al bivio per Alagua, che si raggiungerebbe abbassandosi di oltre duecento metri. Noi teniamo la destra e saliamo all’Alpe Giovera di Sotto, 1521. Qualcuno prosegue fino a Giovera di Sopra, 1620, dove termina la strada. Da qui parte il bel sentiero che, in circa tre ore, porta al Lago di Matogno, ma sono cose da estate. A Giovera di Sotto spaliamo un po’ di neve per crearci la zona pranzo. Abbiamo camminato, con tutta calma, per circa tre ore.

La discesa è altrettanto tranquilla, il sole resiste e la temperatura è quasi primaverile. Passiamo dal Gufo’s per mantenere la sana tradizione della bevuta in compagnia, durante la quale programmiamo, forse con eccessivo ottimismo, la futura attività.                                     

 Gianpaolo Fabbri

 

IMG_4183.JPGIMG_4233.JPGIMG_4159.JPGIMG_4185.JPGIMG_4197.JPGIMG_4258.JPG

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.