1

  • Sono 7.520 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. il totale diventa 94.661 (76,5% delle dosi disponibili)

    Sono 7.520 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. il totale diventa 94.661 (76,5% delle...

  • La vignetta di Sapo: crisi di governo ... e crisi di nervi

    La vignetta di Sapo: crisi di governo ... e crisi di nervi

  • Cinque settimane di minilockdown in Svizzera

    Cinque settimane di minilockdown in Svizzera

  • Crisi di Governo, il sondaggio di News24: il 46,8% avanti con Conte, il 38,7% vuole le elezioni

    Crisi di Governo, il sondaggio di News24: il 46,8% avanti con Conte, il 38,7% vuole le elezioni

  • Sono 8.352 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. Il totale diventa 86.003 (69,5% delle dosi disponibili)

    Sono 8.352 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. Il totale diventa 86.003 (69,5% delle...

  • Nasce a Fomarco il primo Prünent

    Nasce a Fomarco il primo Prünent "al femminile" della Val d'Ossola

  • Anas pulisce dalla neve la la statale 659 “delle Valli Antigorio e Formazza”. Provvisoriamente chiusa al traffico a Canza

    Anas pulisce dalla neve la la statale 659 “delle Valli Antigorio e Formazza”. Provvisoriamente...

  • Recovery plan, il Piemonte attende le regole definitive

    Recovery plan, il Piemonte attende le regole definitive

  •  Mozione Lega su Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi. Molinari: “Auspico unità di tutti i parlamentari piemontesi”

    Mozione Lega su Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi. Molinari: “Auspico unità di tutti i...

  • Test rapidi, dal 15 gennaio saranno conteggiati nel bollettino nazionale

    Test rapidi, dal 15 gennaio saranno conteggiati nel bollettino nazionale

  • Sono 8.439 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte. In totale 75.893 (61,3% delle dosi)

    Sono 8.439 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte. In totale 75.893 (61,3% delle...

  • Piemonte: 1.064 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 172

    Piemonte: 1.064 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia...

App Store Play Store

seggiovia sci

BRUXELLES-24-11-2020-- “Vietare lo sci in Italia

ma consentirlo in altri paesi d’Europa non avrebbe senso e rappresenterebbe un duro colpo a un settore già in difficoltà. Pare che l’Unione Europea stia valutando di chiedere agli Stati membri di bloccare le aperture delle piste, impedendo così lo svolgimento della stagione turistica invernale – dichiara Alessandro Panza, europarlamentare e responsabile del dipartimento aree montane della Lega.

L'economia di montagna è già fragile e sottoposta a continui stress, uno shock del genere potrebbe portare alla perdita di migliaia di aziende e decine di migliaia di posti di lavoro, con devastanti ricadute sociali che potrebbero diventare irreversibili. Serve una decisione chiara, a livello europeo. Per questo ho presentato un’interrogazione alla Commissione Ue per sapere che tipo di misure intenda adottare e quali risorse utilizzerà per arginare il grave danno economico causato da questa decisione. 

Nel frattempo siamo ancora in attesa di sapere cosa intenda fare il Governo, che finora ha saputo dire solo no, senza comunicare come sostenere il comparto, con quali risorse e con quali tempi intende affrontare la questione. Ricordo al Presidente del Consiglio che in Italia il turismo invernale vale 10 miliardi di euro e occupa più di 150.000 persone, molte delle quali stagionali: queste persone non possono e non devono essere abbandonate”.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.