1

  • Sono 7.520 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. il totale diventa 94.661 (76,5% delle dosi disponibili)

    Sono 7.520 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. il totale diventa 94.661 (76,5% delle...

  • La vignetta di Sapo: crisi di governo ... e crisi di nervi

    La vignetta di Sapo: crisi di governo ... e crisi di nervi

  • Cinque settimane di minilockdown in Svizzera

    Cinque settimane di minilockdown in Svizzera

  • Crisi di Governo, il sondaggio di News24: il 46,8% avanti con Conte, il 38,7% vuole le elezioni

    Crisi di Governo, il sondaggio di News24: il 46,8% avanti con Conte, il 38,7% vuole le elezioni

  • Sono 8.352 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. Il totale diventa 86.003 (69,5% delle dosi disponibili)

    Sono 8.352 i vaccinati contro il covid oggi in Piemonte. Il totale diventa 86.003 (69,5% delle...

  • Nasce a Fomarco il primo Prünent

    Nasce a Fomarco il primo Prünent "al femminile" della Val d'Ossola

  • Anas pulisce dalla neve la la statale 659 “delle Valli Antigorio e Formazza”. Provvisoriamente chiusa al traffico a Canza

    Anas pulisce dalla neve la la statale 659 “delle Valli Antigorio e Formazza”. Provvisoriamente...

  • Recovery plan, il Piemonte attende le regole definitive

    Recovery plan, il Piemonte attende le regole definitive

  •  Mozione Lega su Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi. Molinari: “Auspico unità di tutti i parlamentari piemontesi”

    Mozione Lega su Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi. Molinari: “Auspico unità di tutti i...

  • Test rapidi, dal 15 gennaio saranno conteggiati nel bollettino nazionale

    Test rapidi, dal 15 gennaio saranno conteggiati nel bollettino nazionale

  • Sono 8.439 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte. In totale 75.893 (61,3% delle dosi)

    Sono 8.439 i vaccinati contro il covid comunicati oggi in Piemonte. In totale 75.893 (61,3% delle...

  • Piemonte: 1.064 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia intensiva sono 172

    Piemonte: 1.064 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19. I ricoverati in terapia...

App Store Play Store

impianto sci fermo

VCO-23-11-2020-- L'europarlamentare Alessandro Panza,

responsabile del dipartimento aree montane della Lega, interviene sulla chiusura delle stazioni sciistiche decisa dal Governo: “Apprendiamo dagli organi di stampa che la stagione turistica invernale quest’anno non ci sarà. Non sappiamo perché, non sappiamo quali siano le motivazioni tecniche alla base di questo divieto -dichiara l'europarlamentare Alessandro Panza, responsabile del dipartimento aree montane della Lega-.  Alla conferenza Stato-Regioni è stata avanzata una proposta di protocollo per permettere l’avvio della stagione invernale, cercando di aprire gli impianti in maniera sicura e in modo da non mettere in crisi nuovamente il sistema sanitario. Ma il Governo ha solo detto “no”, non è stato dato nemmeno un ordine temporale per definire fino a quando questa chiusura verrà portata avanti” – dichiara Panza. “Non c'è la consapevolezza di come si si stia mettendo in ginocchio un settore fondamentale- prosegue Panza. Il turismo invernale infatti vale in Italia 10 miliardi di euro e occupa più di 150.000 persone, molte delle quali stagionali. Non aprire gli impianti significa mettere in ginocchio economie già fragili come quelle di montagna.  Cosa vuole fare il Governo in merito a questo? Non basta alzarsi  e dire “si chiude”, bisogna anche dare delle risposte; ci sono milioni di italiani che aspettano un riscontro da parte del Governo. Sciare in sicurezza si può, far partire il comparto turistico invernale è un dovere e un obbligo morale nei confronti delle popolazioni di montagna. Abbandonare questi territori all’”arrangiatevi, non si apre” è una meschinità inaccettabile, un colpo che potrebbe essere micidiale per tutto il comparto turistico invernale italiano.  Il Governo proponga concretamente delle soluzioni. La Lega ha già presentato per questo una risoluzione in Commissione trasporti alla Camera, oltre a sostenere convintamente la proposta di protocollo della conferenza Stato-Regioni.  Inoltre nella Regioni dove governa la Lega i nostri consiglieri si stanno mobilitando per stanziare fondi per gli impianti che non apriranno, cercando di dare un minimo di sollievo agli imprenditori che vedono seriamente compromessa la loro capacità operativa"- conclude Panza .  Nota stampa dell'europarlamentare Alessandro Panza, responsabile del dipartimento aree montane della Lega.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.