1

  • A fuoco i boschi del Ticino

    A fuoco i boschi del Ticino

    ISONE - 23.01.2020 - Un vasto incendio, 

  • Per Alberto Corsi ancora tre ori mondiali, l'87enne di Macugnaga li ha conquistati a Innsbruck

    Per Alberto Corsi ancora tre ori mondiali, l'87enne di Macugnaga li ha conquistati a Innsbruck

      PIEVE VERGONTE - 22-01-2020 - Ancora tre medaglie

  • Un altro frontaliere infortunato sul lavoro: muratore di 32 anni cade dal tetto

    Un altro frontaliere infortunato sul lavoro: muratore di 32 anni cade dal tetto

    CANOBBIO – 21.01.2020 – Un altro infortunio

  • Sposini con 150mila euro falsi nel trolley, la Gdf li intercetta sul treno per Ginevra

    Sposini con 150mila euro falsi nel trolley, la Gdf li intercetta sul treno per Ginevra

    DOMODOSSOLA - 21-01-2020 - Le fiamme gialle

  • Intanto la Svizzera dà il via libera al tunnel Ascona-Brissago

    Intanto la Svizzera dà il via libera al tunnel Ascona-Brissago

    ASCONA – 21.01.2020 – La lezione, ancora una...

  • Il 2020 un anno di cantieri sulla statale

    Il 2020 un anno di cantieri sulla statale

    VERBANIA – 21.01.2020 – Sono il traffico

  • Precipita da tre metri, grave frontaliere di 51 anni

    Precipita da tre metri, grave frontaliere di 51 anni

    CEVIO – 20.01.2020 – Sono gravi le ferite

  • Nuovo numero di IDEA- IDEA, il nostro magazine free press trilingue di gennaio è in distribuzione

    Nuovo numero di IDEA- IDEA, il nostro magazine free press trilingue di gennaio è in distribuzione

    VCO-20-01-2020- E' in distribuzione dallo scorso

  • Pista di ghiaccio ed eventi, il successo di Locarno on-ice: più di 150.000 visitatori

    Pista di ghiaccio ed eventi, il successo di Locarno on-ice: più di 150.000 visitatori

    LOCARNO – 19.01.2020 – Dopo quindici anni

  • La “mappa” dei controlli di velocità in Ticino la prossima settimana

    La “mappa” dei controlli di velocità in Ticino la prossima settimana

    BELLINZONA – 19.01.2020 – Come ogni settimana

  • Tasse e ristorni, la minoranza convoca i frontalieri: incontro con l’onorevole Borghi

    Tasse e ristorni, la minoranza convoca i frontalieri: incontro con l’onorevole Borghi

    VERBANIA – 19.01.2020 – Riannodare il legame

  • La Svizzera torna a chiedere la riforma dei frontalieri e minaccia di disdire il trattato italoelevetico

    La Svizzera torna a chiedere la riforma dei frontalieri e minaccia di disdire il trattato...

    BELLINZONA – 19.01.2020 – Disdire...

pardo locarno 19 2

LOCARNO – 18.08.2019 – Un palmarès che conferma

e sottolinea la vocazione di Locarno, ovvero il senso della scoperta, del trovare nuovi percorsi, di mettere in risalto diverse forme di creatività. Infatti il Festival 2019 ha premiato con il Pardo d’Oro il commovente “Vitalina Varela”, del lusitano Pedro Costa, a cui è andato anche il riconoscimento per la miglior interpretazione femminile. Nelle parole di commiato, ieri sera del, lo storico presidente della manifestazione, Marco Solari, ha definito: “Il Ticino terrà di libertà: liberi film in libero Festival”, invitando il pubblico ad essere vigile affinché l’evento non perda la propria ragion d’essere. Pensiero ben condotto dalla nuova direttrice artistica, Lili Hinstin, che ha modellato un’edizione tutta virata allo scarto rispetto alle norme. Attitudine ben evidente nella scelta di premiare con un Pardo d’onore Manor il regista statunitense John Waters, da molti ritenuto il guru del trash e del kitch trans gender; o nelle molte pellicole e manifestazioni di contorno tutte votate alla sperimentazione.

Per ritornare ai riconoscimenti, al solito cinematografia italiana a bocca asciutta e comunque di scarsa presenza quantitativa e qualitativa. Il Premio speciale della giuria è andato a “Height of the Wave” del coreano Park Jung-Bum. Intenso e profondo come da tradizione di quella cinematografia. Pardo per la miglior regia invece al delicato e femminile “Les Infants d’Isadora” diretto da Damien Manivel, un soave affresco di figure materne e danza. Altri temi, la condizione dei nativi brasiliani, al centro del Pardo per la miglior interpretazione maschile attribuito a Regis Myrupu, interprete di Maya da-Rin che in Piazza Grande ha ringraziato commosso Locarno poiché” Concede voce alla nostra invisibilità”.

Altra sezione da seguire era quella dedicata ai Cineasti del Presente ove si sono messi in luce con il Pardo d’Oro “Nafi’s Father” del senegalese Mamodou Dia, un’efficace ritratto di diverse generazioni e grazie al Premio Speciale della giuria Ciné, il balcanico ed esplosivo “Ivana Cea Groaznica” della regista serba Ivana Mladenovic.

Da ultimo l’affluenza nello splendido scenario di Piazza Grande è stata di rilievo grazie ai 9.300 spettatori dell’ultimo lavoro di Quentin Tarantino “Once upon a time… in Hollywood” (10 agosto); oltre 6.000 invece le presenze per “Diego Maradona”, pellicola di cui molto si discuterà anche da noi (15 agosto). Il 13 agosto 5.600 spettatori hanno poi seguito con trepidazione “Camille”, pellicola che narra la triste sorte di una reporter di guerra in Africa.

L’edizione numero 73 della kermesse locarnese si terrà dal 5 al 15 agosto 2020.

Claudio Zella Geddo

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.