1

  • A fuoco i boschi del Ticino

    A fuoco i boschi del Ticino

    ISONE - 23.01.2020 - Un vasto incendio, 

  • Per Alberto Corsi ancora tre ori mondiali, l'87enne di Macugnaga li ha conquistati a Innsbruck

    Per Alberto Corsi ancora tre ori mondiali, l'87enne di Macugnaga li ha conquistati a Innsbruck

      PIEVE VERGONTE - 22-01-2020 - Ancora tre medaglie

  • Un altro frontaliere infortunato sul lavoro: muratore di 32 anni cade dal tetto

    Un altro frontaliere infortunato sul lavoro: muratore di 32 anni cade dal tetto

    CANOBBIO – 21.01.2020 – Un altro infortunio

  • Sposini con 150mila euro falsi nel trolley, la Gdf li intercetta sul treno per Ginevra

    Sposini con 150mila euro falsi nel trolley, la Gdf li intercetta sul treno per Ginevra

    DOMODOSSOLA - 21-01-2020 - Le fiamme gialle

  • Intanto la Svizzera dà il via libera al tunnel Ascona-Brissago

    Intanto la Svizzera dà il via libera al tunnel Ascona-Brissago

    ASCONA – 21.01.2020 – La lezione, ancora una...

  • Il 2020 un anno di cantieri sulla statale

    Il 2020 un anno di cantieri sulla statale

    VERBANIA – 21.01.2020 – Sono il traffico

  • Precipita da tre metri, grave frontaliere di 51 anni

    Precipita da tre metri, grave frontaliere di 51 anni

    CEVIO – 20.01.2020 – Sono gravi le ferite

  • Nuovo numero di IDEA- IDEA, il nostro magazine free press trilingue di gennaio è in distribuzione

    Nuovo numero di IDEA- IDEA, il nostro magazine free press trilingue di gennaio è in distribuzione

    VCO-20-01-2020- E' in distribuzione dallo scorso

  • Pista di ghiaccio ed eventi, il successo di Locarno on-ice: più di 150.000 visitatori

    Pista di ghiaccio ed eventi, il successo di Locarno on-ice: più di 150.000 visitatori

    LOCARNO – 19.01.2020 – Dopo quindici anni

  • La “mappa” dei controlli di velocità in Ticino la prossima settimana

    La “mappa” dei controlli di velocità in Ticino la prossima settimana

    BELLINZONA – 19.01.2020 – Come ogni settimana

  • Tasse e ristorni, la minoranza convoca i frontalieri: incontro con l’onorevole Borghi

    Tasse e ristorni, la minoranza convoca i frontalieri: incontro con l’onorevole Borghi

    VERBANIA – 19.01.2020 – Riannodare il legame

  • La Svizzera torna a chiedere la riforma dei frontalieri e minaccia di disdire il trattato italoelevetico

    La Svizzera torna a chiedere la riforma dei frontalieri e minaccia di disdire il trattato...

    BELLINZONA – 19.01.2020 – Disdire...

druogno fiume camini gente

PIEMONTE-02-07-2019- Sostenibilità ambientale, opportunità di sviluppo, vivibiità dei residenti. Uncem interviene sulla questione del numero chiuso sulle Alpi dopo le invasioni di giorni scorsi con il gran caldo: "In giorni molto caldi in città, le aree montane hanno visto in particolare nei week end intensi flussi di turisti e persone- così Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem- che hanno cercato svago, relax, benessere in molte località alpine e appenniniche. I flussi, succede ogni anno, riaprono un dibattito storico e attualissimo relativo all'accessibilità, alla possibilità di inserire numeri programmati di arrivi, alla necessità o meno di limitare alcune aree ad alto pregio naturalistico. Sfide molto complesse che incrociano esigenze di chi vive tutto l'anno nei Comuni e nei borghi montani, chi fa impresa, turistica o agricola, chi vuole fare turismo. Agli scontri tra istanze e opportunità diverse, molto spesso sono gli Amministratori locali che bloccano polemiche e si sforzano di trovare soluzioni decisive. Penso alle chiusure programmate di alcune aree ad alto pregio naturalistico, in zone Parco, inserendo navette per i turisti. O alla chiusura, alcuni giorni la settimana, di uno o più tratti di strada, riservandole a chi va a piedi o in bici. Ancora, alle iniziative concordate con le imprese per portare i turisti in alpeggio, con attività ludiche e formative che fanno bene a bambini e adulti. C'è anche chi ha inserito ticket per l'accesso, per avere un piccolo gettito economico da reinvestire in pulizia, promozione, attività ambientali e culturali. Sulle 'Alpi a numero chiuso' o meno, sono sempre stati i Sindaci, anche grazie a Comunità e Unioni montane, a trovare soluzioni e ad arginare le polemiche. Peraltro sono stati gli Enti locali, in accordo con le imprese e le associazioni locali, a puntare su iniziative formative e culturali per evitare un turismo di massa, che lascia niente, che non porta benefici ai territori. La montagna vuole e costruisce pezzi di turismo intelligente e sostenibile". 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.